I giochi Paralimpici

I giochi Paralimpici

Agosto 31, 2021 0 Di

Le Paralimpiadi sono spesso considerate le sorelle minori delle Olimpiadi e, se analizziamo il numero di partecipanti, lo sono sicuramente. Mentre quasi 11.500 atleti hanno gareggiato ai Giochi olimpici estivi di Tokyo 2020, le Paralimpiadi vedono gareggiare circa 4.500 partecipanti.

Tuttavia, considerando il numero di eventi per medaglie e anche la velocità di alcune gare, le Paralimpiadi superano addirittura le Olimpiadi.

A causa delle diverse classificazioni di abilità, che comprendono ipovedenti, amputati, utenti su sedia a rotelle e altri, le Paralimpiadi di quest’anno hanno in realtà 539 eventi per medaglie in 22 sport, mentre i Giochi Olimpici di Tokyo hanno visto gare in 33 sport e 339 eventi per medaglie.

Più lunga è la distanza delle gare atletiche, più veloci sono gli atleti paralimpici opposti agli atleti olimpici, in particolare quelli delle categorie di carrozzine T53 e T54 che sono progettate per atleti con funzionalità limitate nel torso e nelle gambe. Nella gara dei 400 m maschili, il record mondiale di atletica leggera è di 43,03 secondi, con i corridori paralimpici dietro di alcuni millisecondi. Nella gara degli 800 metri, i corridori in sedia a rotelle hanno già superato il record mondiale di atletica leggera di 1 minuto e circa 41 secondi. Il paralimpico statunitense Daniel Romanchuk detiene il record mondiale di atletica leggera sulla distanza con un minuto e circa 30 secondi.

Con l’aumentare della distanza, aumenta il progresso dei corridori su sedia a rotelle paralimpici. Nella maratona femminile, ad esempio, il record T53/54 si attesta intorno a un’ora e 36 minuti, detenuto dalla nazionale svizzera Manuela Schaer. Sono 38 minuti più veloci del record mondiale di atletica leggera.

Nel nuoto, gli atleti paralisti non sono stati in grado di battere i record mondiali di atletica leggera, ma ci sono anche andati molto vicini. Il record mondiale maschile sui 100 metri farfalla è detenuto dal nuotatore statunitense e medaglia d’oro di Tokyo Caeleb Dressel con 49,45 secondi. Il detentore del record di atletica leggera Ihar Boki dalla Bielorussia ha nuotato la distanza in 53,72 secondi, solo circa 4 secondi più lentamente. Boki nuota nella categoria dei non vedenti, ma alcuni record di nuoto paralimpico sono detenuti anche da atleti con disabilità fisiche.

Quando si tratta di equilibrio di genere, le Olimpiadi estive di quest’anno sono state più egualitarie delle Paralimpiadi di Tokyo.